Vittorio Sgarbi



Vittorio Umberto Antonio Maria Sgarbi

  • data di nascita:  Ferrara, 8 maggio 1952
Critico d'arte e personaggio televisivo, è considerato un artista poliedrico in grado di avvicinare all'arte anche coloro che poco conoscono. 





1990 - Vince la 37ª edizione del premio Bancarella con il libro "Davanti all'Immagine" edito da Rizzoli.

1992 -1999 - Conduce il programma Sgarbi quotidiani su Canale 5

1999 al 2000 - E' Direttore Artistico del festival estivo AstiTeatro.

2002 - Debutta con la regia teatrale con l'Opera Rigoletto prodotta dalla Fondazione Arturo Toscanini e da David Guido Pietroni

2009 - Ha inizio la sua tournèe nei teatri dal titolo, "Sgarbi l'altro"

2010 - Porta in teatro lo spettacolo  "Discorso a Due"e dedicato agli Anni di pellegrinaggio di Franz Liszt e alle opere di Michelangelo e Dante con il pianista Nazzareno Carusi.  

2010 - Riceve la nomina di Soprintendente della Soprintendenza speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare.

2011 - Riceve il premio Lunezia in coppia con Nazzareno Carusi.

2011 - Il Ministero per i beni e le attività culturali lo nomina curatore del Padiglione Italia e dei padiglioni regionali per la 54ª Esposizione internazionale d'arte di Venezia organizzata dalla Biennale di Venezia.

E' nominato presidente della "Fondazione Gino De Dominicis"

2012 - Collabora attivamente alla 1ª Biennale Internazionale d'Arte di Palermo con l'editore Sandro Serradifalco.  Da questo evento nasce la pubblicazione del volume "Porto Franco. Gli artisti sdoganati da Sgarbi". 2014 ha partecipato alla 1ª Biennale della Creatività al Palaexpo di Verona.

2014  - viene indicato «Ambasciatore per Expo 2015 per le belle arti» da Roberto Maroni e  rappresentante della Regione Lombardia, come componente del Consiglio di Amministrazione della "Fondazione di diritto privato Bagatti Valsecchi" di Milano e  responsabile della gestione del Museo Bagatti Valsecchi.

2015 - E' autore e interprete con lo spettacolo teatrale Caravaggio.
E' autore di numerose pubblicazioni che oggi sono il punto di riferimento nel Rinascimento non solo italiano.