Città di Vibo Valentia


1070-1074 d.C.

Ruggero il Normanno decise di costruire una fortificazione in grado di essere il baluardo strategico del territorio vibonese composta da almeno 8 torri circolari  alte circa 10 metri e una torre triangolare centrale (oggi le torri sono parzialmente visibili). 


castello Normanno


1289

Carlo d'Angiò decise di rafforzare la fortificazione del castello e aumentare i muri difensivi. 


1500

In questo periodo il castello subisce una metamorfosi piuttosto decisa, passando da un aspetto tipico di fortificazione e di maniero ad uno più caratterizzato dall'aspetto nobiliare e signorile. 


1519

La chiesa di San Michele, di Vibo Valentia, rappresenta uno dei tesori dell’architettura rinascimentale più preziosi della regione. , quando fu realizzato sulle indicazioni di   Baldassarre Tommaso Peruzzi noto architetto, pittore e  studioso dell'architettura e ingegnere militare.  
La navata interna è decorata con bassorilievi di grande fattura artigianale con un’abside in stile barocco. Un Cristo scolpito sulla chiave di volta, si palesa all'interno dell'arco trionfale.

Chiesa di San Michele