Ponte autoportante


Tra tutti i ponti disegnati da Leonardo, quello autoportante è certamente il più geniale per semplicità costruttiva e strutturale. Non sappiamo se abbia trovato applicazioni pratiche, ma possiamo certamente credere che questa soluzione modulare, estremamente facile da trasportare e mettere in opera, riscontrasse pienamente i favori dei sovrani dell'epoca, sempre alla ricerca di nuove tecnologie da impiegare in ambito militare.


Si tratta di una struttura composta da semplici travi di sezione circolare che vengono assemblate senza l'impiego di legature o di incastri sagomati. Una volta montato, il peso del ponte è sufficiente a esercitare la pressione necessaria affinché le travi montanti blocchino - chiudendosi a forbice - le traverse, impedendo il cedimento della struttura. La stabilità di questo ponte cresce con l'aumento del carico sulla parte superiore.
Non è da escludere che Leonardo avesse previsto l'impiego di legature o incastri per impedire alle travi trasversali di scivolare via durante il montaggio.

Fogli 69AR, 71V Codice Atlantico (1487-1489)