Tecnica a cartone d'Arazzo



Il cartone d'arazzo è il modello in misura reale che si utilizza per la realizzazione di un arazzo. Viene preparato da un artista cartonnier, sovente è un pittore, anche di grande notorietà. Nella preparazione del cartone l'artista non è completamente libero di esprimersi ma deve tenere conto di molti fattori: del contesto (la dimensione del filato usato che determina la grana), del materiale, dell'imborso (il ritiro quando il pezzo viene tolto dal telaio che è maggiore per l'ordito che per la trama) e soprattutto delle caratteristiche tecniche della tessitura:


  • Le linee della composizione che si presentano nel senso della trama, saranno riprodotte con la massima precisione e la sottigliezza del contesto scelto;
  • Le linee che seguono il senso dell'ordito avranno andamento a scala e la loro sottigliezza massima sarà dello spessore di due fili d'ordito;
  • I raggi, i tratteggi, le ombreggiature, saranno realizzabili solo per il senso della trama;
  • Più il contesto è grosso più difficile sarà rendere correttamente le forme curve, che avranno inevitabilmente un effetto scalato;
  • Su un telaio a basso liccio la tessitura si esegue a rovescio, l'arazzo risulterà simmetrico rispetto al cartone, riprodotto a specchio.

Inoltre deve tener conto che i colori dei filati di lana, anche se con alto coefficiente di resistenza alla luce, scadono un po' prima di stabilizzarsi e comunque la loro intensità viene leggermente diminuita dalla grana, per l'effetto ottico di ombra creato dai minuscoli rilievi del tessuto, per cui bisogna montare, cioè rendere più intensa, la gamma delle tinte.