Atto di nascita di Leonardo


Atto di Nascita ufficiale e di Battesimo di Lionardo di ser Piero da Vinci – 15 aprile 1452 


registro cartaceo, Notarile antecosimiano, Archivio di Stato di Firenze 


L’annotazione trascritta in originale identifica con precisione che fu proprio il nonno Antonio, padre di Piero ( papà di Lionardo) a indicare sull'ultimo foglio del protocollo notarile del figlio Notaio Piero di Vinci, l'atto di nascita e di battesimo del nipote Lionardo.  


Tr
aduzione originale del documento

"Nacque un mio nipote, figliolo di ser Piero mio figliolo a dì 15 aprile in sabato a ore 3 di notte
Ebbe nome Lionardo.

Battizzollo prete Piero di Bartolomeo da Vinci, in presenza di Papino di Nanni, Meo di Tonino, Pier di Malvolto, Nanni di Venzo, Arigo di Giovanni Tedesco, monna Lisa di Domenico di Brettone, monna Antonia di Giuliano, monna Niccolosa del Barna, monna Maria, figlia di Nanni di Venzo, monna Pippa di Previcone".


NOTARILE ANTECOSIMIANO 1237-1569

N. 21488 tra registri e filze "

Repertorio numerico-topografico degli atti e dei documenti dei notai toscani anteriori al 1569” 

Trascrizione su data base informatico a cura di Eva Masini (2015) 


Il fondo Il fondo Notarile antecosimiano comprende registri di protocolli e filze di atti dei notai dell’intero territorio soggetto alla giurisdizione fiorentina anteriori al 1569. 

Originariamente conservati presso i notai stessi e, dagli inizi del Trecento, anche presso l’Arte dei Giudici e notai del comune di Firenze, tali registri e filze furono, a seguito della provvisione del 14 dicembre 1569 emanata al tempo di Cosimo I dei Medici, raccolti entro il nuovo Archivio pubblico dei contratti, appositamente istituito per la conservazione degli atti notarili dello stato fiorentino anteriori e posteriori a tale data. 

Nel 1782, in occasione del riordino dell'Archivio, si operò una cesura artificiale nella documentazione ponendo come data di separazione del materiale conservato proprio il 1569. Si procedette inoltre alla redazione di nuovi indici per cognome dei notai, allo spoglio delle cartapecore conservate in questo Archivio e al versamento nell'archivio segreto dell'Archivio generale, di tutti quei documenti, concernenti i confini dello Stato. 

Le due sezioni dettero vita a due distinti complessi archivistici: Notarile antecosimiano e Notarile moderno. 

bibliografia

Cfr. R. MANNO TOLU, Notarile antecosimiano, in Guida generale degli Archivi di Stato, a cura di P. D’ANGIOLINI e C. PAVONE, , vol. II, Roma 1983, pp. 123-124 e bibliografia citata. G. BISCIONE, Gli ordinamenti e gli strumenti di ricerca elaborati nel pubblico generale archivio dei contratti di Firenze alla fine del '700, in “Archivi per la storia”, IV (1993), pp. 149-221; Id, Il Pubblico generale archivio dei contratti di Firenze: istituzione e organizzazione, in “Istituzioni e società in Toscana nell'età moderna”, Ministero per i beni culturali e ambientali, Roma, 1994, pp. 806-861

biblioteca degli Uffizi di Firenze