Datteri

1. Provenienza
La palma da datteri Phoenix dactylifera ha origine nelle terre sulle rive del Nilo ed Eufrate nell'antico Egitto e nella Mesopotamia. Il suo nome proviene dal greco "daktilos" (dito) per la forma che ricorda una falange. 
La Phoenix Dactylifera cresce principalmente nell'estremo sud dell'Europa e in Asia, in tutta l'Africa settentrionale e meridionale, nelle Isole Canarie, nel Medio Oriente.

Vi sono più varietà di datteri :

  • Majhool
  • Deklet noor
  • Ameri
  • Deri
  • Halawi
  • Zahidi
  • Berhi 
  • Hiann


2. Proprietà
I datteri sono notevolmente ricchi di proprietà salutari per il nostro corpo. 

  • ricchi di fibre
  • contengono flavonoidi antiossidanti 
  • contengono polifenolici 

contiene inoltre, tannini utili come:

  • anti-infettivi
  • anti-infiammatori
  • anti-emorragici

Sono ricchi di vitamine e minerali:

  • vitamina A
  • ferro 
  • potassio
  • calcio
  • manganese
  • rame 
  • magnesio


3. Come lo utilizzava Leonardo da Vinci?

Leonardo si sa che era un genio nel sperimentare anche nel campo gastronomico. Il suo fedele aiutante Salai, sperimentava assiduamente la dieta vegetariana preparatagli da Leonardo in quanto riteneva che fosse benefica per l'essere umano. Spesso, nella dieta vegetariana, contemplava anche cuori di palma come già utilizzavano gli antichi romani in cucina.  

I datteri erano utilizzati spesso nella cucina rinascimentale, lo dimostra la ricetta del “rotolo di datteri” di Bartolomeo Scappi fatto di una pasta dolce, uvetta, marsala, cannella e datteri. 

Riferimento: Il Cibo, la Frutta e il Cenacolo