idee e progetti Made in Italy


Sin dall'infanzia siamo portati a pensare, in quanto pensare non è un esercizio stilistico, piuttosto un procedimento indotto che facciamo senza una particolare capacità: ci viene naturale.

Poi, crescendo negli anni, impariamo a distinguere un pensiero da un progetto e cominciamo quindi ad allargare le nostre vedute affinchè il nostro modo di pensare inizi prendere in considerazione aspetti e procedure adatte a farli diventare qualcosa di concreto, qualcosa di visibile.


"Li pensar di genio, lè centro  di sonni e bresse che ignude s'incontran in del vento, 

stropiglian se stesse in un cor di musico fecondo. 

Madri che tengon forti e pregne la mano a nova vita et salvandole 

da col che sfugge dal cedere a terra morente." 

anonimo 1670


Affrontando "il pensiero Leonardesco" ci si imbatte inevitabilmente in un mondo fatto di dettagli, di particolari e di aspetti che spesso non sono visibili alla prima lettura, ma necessitano di un ulteriore approfondimento che comporta  maggiore visione del dettaglio e una attenta capacità di analisi.
Ecco allora la necessità di capire il come e il perchè di alcuni progetti che lo stesso Leonardo ci ha lasciato nei suoi scritti, quei disegni vagamente accennati e tracce d'inchiostro testimoniate nei suoi taccuini.

Partiamo dunque proprio da ciò che lui ci ha lasciato: una testimonianza incredibile di oltre 5.000 disegni, bozze, appunti che ci hanno  consentito di iniziare un grande viaggio alla scoperta di ciò che ha pensato e progettato.

Abbiamo deciso quindi di supportare e di dare voce a chi si occupa di ricostruire, sotto forma di modelli, alcune delle sue straordinarie idee e progetti di meccanica, che hanno reso Leonardo uno dei maggiori inventori di tutti i tempi: il grande artigianato "Made in Italy".